Morte Osama Bin Laden: mentre gli Usa festeggiano Twitter fa il record di visite

Osama-bin-Laden

Queste le parole con cui Barack Obama si è rivolto ai leader del Congresso, invitati ieri a cena alla Casa Bianca: “Ora ritroviamo l’unità nazionale che abbiamo vissuto dopo l’11 settembre”.

Rappresentanti del Congresso che per dimostrare l’entusiamo per l’operazione che ha portato all’uccisione di Osama Bin Laden hanno accolto il Presidente con grandi applausi.

Giovedì Obama visiterà Ground Zero, dove incontrerà i parenti delle vittime delle stragi delle Torri Gemelle.
Un modo per non dimenticare una delle  pagine più nere della storia americana, che da oggi deve essere voltata definitivamente.

Con il passare delle ore crescono le indiscrezioni su quanto accaduto durante il blitz. Secondo la versione fornita da una fonte della Jama’a Jihad pakistana, Bin Laden sarebbe stato ucciso da una delle sue guardie del corpo e non dai marines americani.

Bin Laden, infatti, era sempre scortato da due guardie del corpo che avevano l’ordine di sparare contro di lui ed ucciderlo nel caso in cui fossero stati circondati da soldati nemici. Difficile capire se le fonti di simili notizie possano essere considerate attendibili

Comunque, la morte di Bin Laden ha portato con sé un primato, che riguarda il mondo dei social network, e più precisamente di Twitter. Più di 12 milioni di twit. La morte di Osama Bin Laden a quanto pare stabilisce un nuovo record sul sito dell’uccellino blu.

Secondo quanto dichiarato da Twitter, infatti, la notizia della morte del terrorista, è stato uno degli eventi più “cinguettati” della storia e ha generato il più alto tasso continuo di visite di sempre.

Numeri da capogiro. Appena filtrata la notizia ci sono stati più di 4.000 twit al secondo tra l’inizio e la fine del discorso con il quale il presidente statunitense Barak Obama annunciava la morte di Bin Laden.

Intorno alle 23 di domenica notte, poco prima del discorso del Presidente, Twitter ha registrato un picco di 5.169 post al secondo, sceso a 5.008 subito dopo la fine del discorso presidenziale.