500 imprese italiane al summit Business Africa 2010

africa

In Africa, si sa, vi sono tantissime materie prime che il mondo occidentale guarda con occhi luccicanti.

Secondo Adolfo Urso, il vice ministro allo Sviluppo Economico che possiede anche la delega al Commercio Estero “nel continente africano si gioca, ora più che mai, la grande sfida per il futuro perché l’Africa è il più grande giacimento di risorse dell’umanità”.

Al “Forum Italia e Africa partner del business” che si è tenuto a Roma due settimane fa hanno partecipato più di 500 imprese italiane che hanno tenuto colloqui con 19 paesi africani.

Secondo Urso “con l’Africa mediterranea, di cui l’Italia è diventato il primo partner commerciale, c’è quella sub-sahariana che, finora, è stata considerata il buco nero della globalizzazione”. Ma da oggi l’Italia vuole “cambiare la politica dei rapporti, non più solo aiuti ma intese per lo sviluppo. Africa non più solo oggetto ma soggetto dello sviluppo”.

L’incontro di Italia e Africa è stato promosso dalla Simest, la società per le imprese all’estero, che ha indetto discussioni su temi come l’agroindustria, le infrastrutture, le materie prime e gli investimenti finanziari in Africa.

Al “Forum Italia e Africa partner del business” è intervenuto anche il nostro ministro degli Affari Esteri Franco Frattini, il presidente Simest Giancarlo Lanna, quello dell’Ice Umberto Vattani ed il vice presidente di Confindustria Paolo Zegna. Un meeting in grande stile dunque, propedeutico per un miglioramento delle relazioni commerciali tra il nostro paese e l’Africa.

Lascia un commento