Altre 170 scosse rilevate dall’Ingv dopo il terremoto nel Pollino (26 ottobre 2012), qui il tempo reale

337px-Il_monte_Pollino_(2.248_m)_dalle_praterie_di_vetta_di_serra_del_Prete_(2.181_m)

Questa notte alle ore 01:05 una scossa di terremoto di magnitudo 5 è stata registrata nella zona del massiccio del Pollino, al confine tra Basilicata e Calabria. Si è trattata, in quella zona, della scossa numero 650 registratasi in due anni e, a detta dell’Ingv, è senza dubbio la più forte.

Il rischio di nuove scosse nei terremoti nei prossimi giorni in quella stessa zona, è molto basso ma comunque probabile. Considerando che la scossa è stata percepita nelle zone di Mormanno, Laino, Rotonda, e che ha avuto un baricentro di 5 km, tanti paesini, come Scalea e Altomonte, sono caduti nel panico.

Gianluca Valensise, esperto sismologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha affermato che potrebbero esserci prossimamente scosse di magnitudo 6.5 nella stessa zona: “questa ipotesi in queste ore è sotto verifica, perche’ e’ un’ipotesi, però i dati dei terremoti di questi giorni dimostrano che quell’ipotesi probabilmente è vera”.

Proprio all’Ingv adesso si chiede di collaborare con la commissione sicurezza della Provincia di Cosenza per evitare “sorprese” nei prossimi giorni. Il massiccio del Pollino è una zona “straordinariamente complicata”, comprende tutte le principali cime della catena appenninica meridionale (tra le quali, il Monte Caramolo, il Timpone della Capanna, lo Sparviere e la Serra del Prete), oltre che un grandissimo Parco Nazionale e un’area protetta che si estendo lungo la linea dello spartiacque. Gli incendi e i terremoti sono i più grossi nemici di questa bellissima oasi del sud Italia.

Tornando al terremoto di oggi: nessun danno significativo e nessun ferito. Un anziano di 84 anni è morto per infarto, e un ospedale è stato evacuato. La protezione civile e i Carabinieri hanno già controllato lo stato di sicurezza di scuole e edifici pubblici. E’ possibile seguire in tempo reale gli aggiornamenti dell’Ingv cliccando al seguente link. L’Ingv parla di sciame sismico e nelle 10 ore successive il terremoto di stanotte ha rilevato altre 170 scosse.