Altro che Maya, finisce il calendario del Governo Monti, che dice un ultimo “no”

montecitorio

Nel giorno in cui termina il calendario Maya, c’è un altro “ciclo” che finisce, ed è quello del Governo Monti: il premier infatti, con una nota pubblicata oggi, ha annunciato le dimissioni che saranno formalmente date questa sera. Le dichiarazioni sono state: “un anno fa questo Governo era al varo, oggi invece, non per colpa della profezia Maya, dovremo terminare il ruolo”. Ringraziamenti e buoni aspici vari, come da rito. Fine dei giochi.

L’ultima mossa del Governo tecnico ha fatto però discutere. E c’è stato tempo per portarla in atto.

Il Governo Monti infatti ha detto ‘no’ a quanti, circa 7.000 persone (tra loro circa 600 emofilici) che, a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, contrassero epatite ed HIV a causa di trasfusioni e medicinali plasmaderivati infetti.

La FedEmo, Federazione delle Associazioni Emofilici, manifesta tutto il proprio disappunto dopo la bocciatura di un emendamento ad hoc, promosso dal Senatore Bosone – Vice Presidente della XII Commissione Igiene e Sanità del Senato – che, inserito nella Legge di stabilità, avrebbe potuto almeno dare una piccola soddisfazione e un grande riconoscimento a malati o familiari di vittime del contagio con medicinali plasmaderivati. “Nessuna giustizia – tuona il Presidente della FedEmo, Gabriele Calizzani – per quanti furono danneggiati in conseguenza, secondo molte sentenze, di omessi controlli da parte del Ministero della Salute sui medicinali plasmaderivati, considerati “salvavita”: dov’è lo Stato? Evidentemente in questo Paese il diritto alla salute e alla vita vanno in prescrizione”. Negli anni ’80 e ’90 circa 600 emofilici hanno contratto il virus HIV (metà dei quali nel frattempo deceduti) e almeno 1.500 i virus dell’epatite (C,B, etc) e altre forme di epatiti. Gli ultimi decreti hanno introdotto un termine di prescrizione di cinque anni per i viventi e dieci per i deceduti.

Questo significa che almeno l’80% delle persone che hanno contratto HIV e epatite C a seguito dell’utilizzo di prodotti infetti, tra loro emofilici, talassemici, politrasfusi, vaccinati e altri, è escluso dal diritto ad un giusto risarcimento. Per la FedEmo, un provvedimento normativo ad hoc da parte del Ministero della Salute, promesso alle Associazioni dei pazienti nel corso di un incontro lo scorso 2 febbraio, avrebbe sanato, almeno in parte, questa triste pagina della storia sanitaria e giudiziaria del nostro Paese. “Siamo estremamente delusi per come si chiude quest’anno – aggiunge Calizzani – A nulla è servita l’interrogazione urgente alla Camera a firma dell’On. Donata Lenzi (Area Territorio, Cultura e Sociale XII Commissione Affari Sociali), a cui l’esecutivo ha dato una risposta che riteniamo assai insoddisfacente. Una risposta che non rende affatto giustizia a chi ha perso un fratello, una sorella, una madre, un padre, un figlio per una colpa che non ha commesso!”. La denuncia della FedEmo arriva nel giorno della notizia dell’approvazione di un emendamento alla legge di stabilità che elimina l’obbligo dei controlli da parte di AIFA su plasma e prodotti intermedi importati da Canada e Stati Uniti, quantunque destinati a Paesi Terzi.

montecitorio