Antonio Fazio condannato a 4 anni di reclusione per scandalo Antonveneta

fazio bankitalia

I giudici di Milano hanno condannato a 4 anni di reclusione ed 1.5 milioni di euro di multa l’ex Governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio. L’accusa è di aggiotaggio nel tentativo di scalata ad Antonveneta. Gli scandali finanziari collegati a questo processo cominciarono nell’estate del 2004, quanto una serie di interessi di banche straniere nei confronti della Banca Antoniana Popolare Veneta portarono la procura di Milano ad aprire un fascicolo contro ignoti, fascicolo che investigava sul reato di manipolazione delle azioni e diffusione di notizie false circa l’Antonveneta.

Da lì a poche settimane i primi nomi comparvero sul registro degli indagati, tra questi c’erano 18 imprenditori che furono finanziato per acquistare 500 milioni di euro di titoli della Banca per poterne fare lievitare le quotazioni. Alla procura di Milano si aprì anche quella di Roma, lo scandalo poi esplose al finire dell’estate del 2005, le prime azioni furono sequestrato e le prime sospette dimissioni permisero di far allargare l’inchiesto sul presunto scandalo. Antonio Fazio, governatore della Banca d’Italia dal 1993 al 2005, Cavaliere Di Gran Croce Dell’Ordine Al Merito della Repubblica Italiana, era anche presidente dell’Ufficio Italiano Cambi. In seguito allo scandalo di cui è stato protagonista, si è revocata la nomina a vita di Governatore, adesso in mandato per una durata massima di 6 anni. Con il suo arresto l’Unipol ha disposto la confisca per 39.6 miliardi di euro. Per la stampa e alcuni esponenti del mondo della politica la sentenza è insieme storica e sorprendente: è la prima volta che un ex Governatore di Bankitalia viene condannato alla reclusione da un processo penale.