Banche: Allianz si lancia al salvataggio di Commerzbank-Dresdner

592px-AllianzLogo.svg

Sarà probabilmente il colosso assicurativo globale di Monaco di Baviera, Allianz, ad andare a “salvare” Commerzbank-Dresdner, la seconda banca tedesca.
L’intervento dovrebbe essere quello della ricapitalizzazione da fare nei tempi giusti per rispettare le nuove severe norme dell’Eba, l’autorità bancaria europea sulla capitalizzazione e la sicurezza degli istituti di credito nell’Unione europea.
L’Handelsblatt online, l’edizione web dell’autorevole quotidiano economico-finanziario di Dusseldorf, scrive infatti che Allianz è pronta a convertire in azioni il capitale ibrido di Commerzbank-Dresdner che oggi detiene, per un valore di circa 750 milioni di euro.
Se l’operazione dovesse andare in porto, Martin Blessing, il numero uno di Commerzbank, e il suo istituto, risolverebbero gran parte della questione della falla di finanziamento nella ricapitalizzazione della banca, resa appunto necessaria dalle nuove norme dell’Eba, che sono viste in modo sempre meno positivo in Germania.
D’altra parte il gigante assicurativo in questo modo acquisirebbe il 15 per cento del capitale di Commerzbank, diventandone il secondo azionista dopo lo Stato federale (che entrò in scena nella fase acuta della crisi internazionale del 2008-2009 e attualmente detiene circa il 25 per cento del pacchetto).
L’intervento di Allianz risparmierebbe allo Stato tedesco (e di conseguenza anche ai contribuenti) l’onere di un nuovo salvataggio pubblico di Commerzbank, e alla banca stessa l’imbarazzo di dover chiedere ancora una volta l’aiuto governativo.
La notizia ad oggi comunque non è stata confermata né smentita da Commerzbank e da Allianz, ma dopo la sua diffusione il titolo Commerzbank si è chiaramente apprezzato alla Borsa di Francoforte, salendo del 5 per cento a 1,30 euro. L’azione Allianz ha guadagnato l’1,3 per cento.