Borsa: andamento altalenante per Piazza Affari

borsa

Inizia in debole discesa la giornata di trattative per la borsa di Wall Street, il quale indice di riferimento il Dow Jones inizia in calo dello 0,08%, sempre in calo anche l’indice S&P che perde lo 0,07% e sulla stessa scia troviamo anche l’indice Nasdaq che perde lo 0,01%. Altalenante la situazione europea dove evidenziamo l’indice Cac-40 della capitale francese costretta a chiudere in leggero ribasso dello 0,4% al contrario della borsa di Londra dove il Ftse 100 chiude in positivo dello 0,15% sulla stessa scia del Dax di Francoforte che chiude con un +0,22%. Male invece la borsa di Piazza Affari che perde alla fine delle trattative lo 0,72% a 20.329 punti.

Un operatore dell’Ufficio Analisi Tecnica del Gruppo Banca Sella ha esternato il suo pensiero sulla giornata di oggi: “a livello giornaliero il superamento di un primo supporto a 20.300 punti se rotto potrebbe portare l’indice principale di piazza Affari a testare il minimo di giornata a 20.260 punti. Se cosi’ fosse s’indebolirebbe il quadro tecnico; viceversa se il Ftse Mib dovesse recuperare quota 20.370 punti non e’ escluso il raggiungimento di un massimo di giornata a 20.420-20.470 punti”.

Analizziamo adesso la situazione dei titoli del paniere italiano cominciando a parlare delle vendite che caratterizzano il titolo Fonsai. All’interno del comparto bancario, la situazione non è delle più rosee, cominciando dalla Banca Popolare di Milano che perde il 3,12%, sulla stessa scia anche Ubi Banca che cala del 2,32%, in negativo dell’1,76% Mediobanca, così come B.Mps che cala di -1,72%, mentre Intesa SanPaolo chiude in rosso -1,63% sull’esempio di B.Popolare e Unicredit in negativo rispettivamente dell’1,74% e dell0 0,13%.