Borsa: chiusure in negative per le borse europee

1

Chiusura in rosso nella giornata di ieri per tutti i listini del Vecchio Continente. Dopo un inizio delle trattative in discesa, seguendo le orme dell’indice S&P, nella borsa di Piazza Affari nel pomeriggio i titoli hanno cominciato a reagire imboccando lentamente la strada del rialzo, anche grazie alla seduta positiva dei titoli statunitensi, con gli investitori che attendono la giornata di oggi per l’esito della riunione del Fomc. Il parere di molti azionisti è che il downgrade dell’indice S&P sulla borsa del nostro paese da A+ ad A, era già stato contato dai fenomeni di mercato. Ecco quali sono state le parole di un trader: “Stiamo assistendo ad un tentativo di rimbalzo dopo i cali di questa mattina. Il downgrade di S&P sull’Italia era ampiamente scontato. Ora attendiamo tra un mese la decisione di Moody’s”.

All’interno della borsa di Piazza Affari , notiamo come l’indice di riferimento il Ftse Mib, guadagni nella giornata l’1,91% a 14356 punti, mentre l’indice Ftse All Share sale dell’1,69% a 15221 punti. Analizzando le restanti borse del Vecchio Continente, notiamo come il Dax di Francoforte chiude i battenti con una perdita del 2,88%, in discesa anche il Cac-40 di Parigi che cala dell’1,5%, sulla stessa scia della borsa di Londra che invece chiude in rosso dell’1,98%. In Italia all’interno del paniere principale si fa notare soprattutto il titolo Fiat con una crescita pari al 7,16%. Rialzi meno acuti per i titoli Fiat Industrial che sale del 2,41% ed Exor in verde del 2,96%. Attendiamo ora la fine di questa nuova giornata per attendere i risultati dei mercati.