Borsa: il fronte asiatico “rialza” le borse europee

1

Apertura in ripresa nelle prime ore di trattative per le principali borse del Vecchio Continente che dopo aver subito forti cali nei giorni scorsi, avviano la nuova giornata di trattative con un piglio diverso. Sulla scia del recupero delle perdite ottenuto dalla borsa di Tokyio, l’indice Ftse Mib di Milano all’avvio delle trattative odierne fa segnare una ripresa superiore al 3%. Pochi minuti fa, l’indice faceva segnare un risultato in positivo del 2,7%. In positivo anche l’indice Ftse All Share che guadagna il 2,6%. In guadagno troviamo anche alcune delle più importanti borse del Vecchio Continente, come ad esempio la borsa di Francoforte in salita del 2,5%, in positivo anche Parigi e Londra che iniziano in positivo rispettivamente del 2,3%.

L’effetto rimbalzo viene innescato dal fronte asiatico che in seguito a tre sedute consecutive di sofferenze e perdite, finalmente ripristina gli indici sui livelli che già avevamo visto nel lontano 2008. Così la ripresa del fronte orientale, crea un effetto domino sui mercati europei, che iniziano le contrattazioni in forte salita.

All’interno della Piazza di Tokyo, troviamo tra i titoli in positivo , il Nomura che sale di oltre 4 punti percentuali, il titolo Softbank in verde del 3,9%, sulla stessa scia del Fuji Heavy Industries in crescita del 3,8%. Brillanti anche i titoli appartenenti al comparto automobilistico come Mazda che guadagna il 3,4% e Suzuki in crescita del 3,8%. Nella borsa di Seul, il titolo Hyundai guadagna il 3,6% dopo che la nota casa automobilistica ha affermato di volere aumentare la produzione europea del 3%. Schizza in alto del 14,3% il titolo Hynis Semiconductor, che con questo risulta si piazza tra i migliori titoli di giornata.