Borsa: la situazione finale di Piazza Affari

borsa

Una giornata bipolare per la borsa di Piazza Affari che dopo un avvio in forte ascesa anche grazie alle affermazione di Jean Claude Trichet ovvero il presidente della Bce, la rilevazione dei dati macro e l’andamento positivo della borsa di Wall Street aveva iniziato la giornata in netto guadagno, ma verso la fine l’indice Ftse Mib è costretta a diminuire i rialzi ottenuti terminando la giornata in negativo dello 0,24% a 19.734 punti. Chiudono in positivo invece le più importanti borse europee a cominciare dal Ftse 100 della borsa londinese che termina in positivo le trattative dello 0,86%, così come il Dax di Francoforte che chiude con un leggero rialzo dello 0,54% sulla stessa scia del Cac 40 di Parigi in positivo dello 0,47%.

All’interno del paniere di Piazza Affari in evidenza la borsa Tenaris che chiude le trattative del 3,49%, un titolo in costante recupero dopo un periodo di buio durato per oltre due settimane. Chiude in positivo anche il titolo Enel con un ottimo guadagno del +3,21% a 1,867 euro. Doppio andamento per il titolo Parmalat che dopo un avvio in deflessione è riuscita a recuperare le perdita chiudendo in territorio positivo dell’1,67%. Solito sguardo approfondito verso il comparto bancario italiano dove è necessario sottolineare il crollo del titolo Unicredit che in pochi minuti si vede sprofondare del 4,23% a 1,337 euro. In negativo anche il titolo Intesa SanPaolo che cala di -2,59%, così come i titoli di MedioBanca, Banco Popolare e B. Mps che perdono rispettivamente -1,48%, -1,17% e -0,65%. Non si muove di una virgola il titolo Ubi Banca che rimane costantemente a 3,802 euro mentre tra i bancari non segue l’esempio del resto del comparto, Banca Popolare di Milano in positivo dell’ +1,43%