Borsa: nuovo calo per Piazza Affari

borsa

Dopo un inizio decisamente positivo per tutte le borse del vecchio continente, i mercato indietreggiano vistosamente nel pomeriggio, in seguito al rilascio dei dati relativi l’indice Ism degli Stati Uniti, indice molto inferiore rispetto a quelle che erano le aspettative di mercato. Nella borsa di Piazza Affari l’indice Ftse Mib a fine giornata chiude le prestazioni in calo del 3,87%, anche a causa ad un’altra giornata in nero per il comparto bancario. In calo anche il titolo relativo ad Intesa Sanpaolo che si mette particolarmente in mostra grazie ad una chiusura disastrosa in calo del 7,8%. In positivo invece il rendimento registrato dei Btp che ritornano in territorio positivo oltre il 6%. Un’affarista di mercato in questo senso a commentato «Il movimento è partito dall’azionario, con le vendite sui titoli bancari che hanno innescato quelle sulla curva del BTp. È un mercato nervoso».

Per quanto riguarda la situazione attuale del nostro paese, è arrivato un commento da un esperto trader di professione che ha commentato «Siamo tornati ai livelli di luglio 2009. Ma questa volta, dopo tre tentativi respinti negli ultimi due anni, il supporto di 17.800 è stato rotto al ribasso. Anche l’indice Eurostoxx ha perso il supporto guida scivolando sotto i 2.600 punti. Preoccupa il fatto che le vendite sono state massicce, con volumi nettamente superiori al periodo. Va anche detto che tecnicamente i supporti sono stati rotti però in questo momento la battaglia non è di analisti tecnica. Ma si gioca sul filo del rasoio sulla base di dichiarazioni e dati economici. Certo è che i segnali non sono incoraggianti».