Borsa oggi: avvio negativo per le borse europee. Male Tokyo

Brutto avvio di seduta per le borse europee. A pesare sui listini del Vecchio Continente le notizie del week end sulla Grecia.

Secondo indiscrezioni trapelate dalla stampa tedesca, Atene, schiacciata dal debito pubblico, sarebbe pronta ad uscire dall’euro.

La notizia è iniziata a circolare dalla scorsa settimana ma immediatamente smentita dalle autorità elleniche ed europee.

In questo momento, stando alle voci che circolano, Europa e Grecia dovrebbero aver raggiunto un accordo per estendere il Piano di aiuti di Atene, dietro la concessione di garanzie tramite collaterali.

Torniamo al mercato azionario. Da una rapida occhiata ai maggiori indici europei vediamo che il Dax30 di Francoforte cede lo 0,39%, il Cac40 di Parigi lo 0,41%, l’Ibex35 di Madrid lo 0,93% e l’Aex di Amsterdam lo 0,18%. Poco sopra la paritù il Ftse100 di Londra (+0,04%).

Ora occupiamoci delle borse asiatiche, in particolare di Tokyo.

Inizio settimana complicato per la borsa di Tokyo, che paga la ripresa dello yen, la delusione per qualche risultato societario e le crescenti preoccupazioni  per possibili problemi di approvvigionamento energetico.

Il premier Naoto Kan ha comunicato che verrà chiusa una centrale nucleare per ragioni di sicurezza.
In un clima già teso, come può essere il Giappone dopo ciò che ha dovuto subire in questi ultimi mesi, inevitabile il crollo in Borsa di Chubu Electric Power, gestore dell’impianto in questione.

Molto male anche i titoli esportatori e i produttori di auto come Nissan e Toyota, tra pochi giorni attesi, tra l’altro, dall’attesa pubblicazione dei conti.

Vediamo come hanno reagito i principali indici del Sol Levante. Il Nikkei ha chiuso con un calo dello 0,77% a 9.783 punti, mentre il Topix ha lasciato sul terreno lo 0,55% a 851 punti.

Tra le altre piazze asiatiche, Seul termina in parità, mentre Taiwan guadagna lo 0,65%.