Borsa oggi: buona chiusura per Piazza Affari. Bene le borse europee

Piazza Affari chiude la settimana borsistica con una buona seduta, accompagnata dalle maggiori borse d’Europa, che chiudono tutte in territorio positivo.

Ad agevolare la buona performance delle borse europee, hanno inciso soprattutto la partenza euforica di Wall Street e gli ottimi dati sul mercato del lavoro americano.

I mercati, infatti, hanno applaudito i dati occupazionali pubblicati dal Bureau of Labor Statistics, che hanno messo in evidenzia la creazione di ben 244 mila posti di lavoro, seppur con un aumento del tasso di disoccupazione al 9%.

Ad aiutare le borse c’è la percezione, o se volete la sensazione, di un passo nella giusta direzione.
Il merito forse è dello stesso Barack Obama, che ha fatto del mercato del lavoro il suo cavallo di battaglia elettorale.

La ventata di ottimismo giunta da oltreoceano ha eliminato del tutto le incertezze in Europa, che nella prima parte della giornata di ieri era apparsa un po’ in difficoltà.

L’euro, a dimostrazione della crescita del dollaro, è caduto ancora, andando a sfondare la soglia degli 1,45 dollari.

Le prospettive di una ripresa economica hanno fatto bene invece al petrolio, rimbalzato a 101 dollari al barile. Recupera dai minimi anche l’oro, che riavvicina la soglia dei 1500 dollari l’oncia.

Tornando a Piazza Affari, anche se l’ultima seduta di ieri è stata positiva, considerando l’intera settimana, è innegabile una certa debolezza fatta riscontrare dalla piazza milanese.

Dando un rapido sguardo ai maggiori indici milanesi, vediamo che ieri l’indice Ftse All Share ha chiuso in rialzo dello 0,95% a quota 22677,86 punti, mentre l’indice FTSE MIB ha guadagnato lo 0,98% a 21953,76 punti.

Molto positivo il comparto bancario che ha letteralmente trainato la ripresa pomeridiana del mercato.
La Popolare Milano ha tratto beneficio dalle indiscrezioni di un’eventuale revisione del convertendo e del miglioramento dell’outlook da parte di S&P. Unicredit, invece, ha festeggiato l’arrivo dei risultati trimestrali la prossima settimana.