Borsa oggi: chiusura altalenante per Wall Street. Male Tokyo

Chiusura all’insegna dell’incertezza ieri per Wall Street. Il Dow Jones ha registrato un  calo dello 0,21%, a 12.480 punti. In leggera flessione anche l’S&P500 con un -0,16% a 1.335 punti. Il Nasdaq, invece, guadagna lo 0,2% portandosi a 2.826 punti. Per quanto riguarda la borsa statunitense da segnalare la buona performance di Intel con un guadagno del 2,2%.

Brutte notizie dalla piazza nipponica. La borsa di Tokyo, difatti, ha chiuso ai minimi di una settimana, perdendo l’1,2%. Il Nikkei ha terminato la seduta al livello più basso dal 19 aprile.

Non giova alla borsa giapponese lo yen forte, che frena le esportazioni e lo scambio di valuta. Dando uno sguardo anche alle altre piazze finanziarie asiatiche si può notare che l’indice Hang Seng, ha chiuso in calo dello 0,54%, mentre l’indice di Shangai ha perso lo 0,87%.

Tornando al Giappone, appare in seria difficoltà soprattutto il comparto automobilistico. Ieri, un quotidiano di finanza giapponese ha scritto che i tagli alla produzione del mese scorso si tradurranno in circa 1.000 miliardi di yen di minor fatturato per Toyota e altre società del settore. Davvero un brutto colpo per un’economia che fatica a rialzarsi dopo la catastrofe che l’ha colpita.

Comunque, i mercati finanziari appaiono tutti in attesa. La riunione della Federal Reserve che inizierà oggi e terminerà domani, potrebbe concludersi con annunci importanti.
L’attenzione degli investitori rimane infatti tutta rivolta verso i possibili segnali che la Banca Centrale americana darà, per capire se anche negli Stati Uniti, come in Europa, sia possibile incominciare un cammino sulla via della exit strategy.

Non dovrebbero esserci cambiamenti per quanto riguarda il costo del denaro. Gli addetti ai lavori sono dubbiosi sul fatto che la Federal Reserve intenda porre fine al discusso programma di quantitative easing 2,che formalmente scade a giugno. Vedremo quale sarà la decisione della Federal Reserve.