Borsa Piazza Affari e Spread Btp-Bund prima della lista Ministri di Monti

borsa piazza affari milano

Oggi è stata una giornata di colloqui tra Mario Monti, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e i principali rappresentanti delle fazioni politiche al Parlamento. Centro del dibattito è il ruolo e il compito del Governo Monti nel contesto di risanamento dell’Italia. Da parte del Pd e del Pdl c’è il via libera, non senza conseguenze (l’ex ministro Maroni ad esempio ha affermato che questa decisione segna una rottura definitiva tra Pdl e Lega), ma quel che preoccupa gli italiani non è il consenso dei soggetti politici, ma il dissenso dei mercati.

Ad ogni modo domani Mario Monti alle ore 11 sarà al Quirinale per presentare la lista dei Ministri del suo Governo. Per tutta la giornata di oggi Piazza Affari è stata in rosso, riuscendo ad azzerare le perdite soltanto ai minuti di recupero, quando Pd e Pdl, come detto, hanno dato il via libera al Governo Monti. Milano comunque aveva aperto al –3% e s’era piazzata tra le peggiori d’Europa insieme ad Atene (-3,8%). In Borsa, i titoli Finmeccanica e Unicredit sono rimasti sotto pressione facendo registrare anche oggi perdite corpose. Alta tensione invece sullo Spread Btp-Bund, i cui rendimenti sono ancora in “zona default” superando il 7% per l’Italia, e arrivando a ben 531,9 punti. Paura inevitabile visto che i mercati avrebbero bisogno di certezze e di interventi concreti che vadano al di là della fiducia dei singoli esponenti politici di un parlamento. Vi lasciamo con una curiosità: arrivano alcuni importanti segnali positivi dall’America: gli indici Dow Jones e Nasdaq a Wall Street oggi hanno dimostrato ottime capacità di ripresa, assestando rispettivamente a –0,24% e –0,32% i segni negativi delle sedute di borsa.