Borsa: situazione da profondo rosso per Piazza Affari

borsa

Una giornata disastrosa per le borse del Vecchio Continente. Un inizio di settimana da profondo rosso, caratterizzato da un tonfo devastante di tutta l’Europa. La situazione già a metà della mattinata non è delle più rosee, infatti a Milano l’indice di riferimento di Piazza Affari, il Ftse-Mib perde oltre quattro punti percentuali. Non migliora la situazione nel resto d’Europa dove Londra subisce un calo del 2,49 per cento, Parigi cede il 4,79%, mentre Francoforte crolla del 3,57%. Decisivo è stato il clima d’allarme provocato dalla situazione del debito greco. Alla fine delle trattative la borsa si trova a perdere ulteriormente sui cali di metà mattinata, soprattutto a causa del tonfo del comparto bancario dove Unicredit cede il 9%, sulla stessa scia troviamo Intesa Sanpaolo che crolla del 7%.

La Commissione europea ha avvertito il nostro paese affermando che nel momento in cui le entrate fiscali risultassero minori delle stime emesse:”nuove misure saranno necessarie”. La raccomandazione della Commissione Europea è quella di intervenire con nuove manovre contro l’evasione fiscale e sulla riduzione della spesa pubblica in modo tale da riuscire a far quadrare tutti i conti. Nel pomeriggio sono arrivate rassicurazioni dal governo tedesco, sulla situazione del debito della Grecia, governo che ha ribadito la propria idea di mantenere la Grecia nell’euro. A Parigi invece ha dovuto subire il crollo della borsa anche a causa dall’esplosione di un impianto nucleare nella parte meridionale della nazione. Evento che non ha fatto altro che aggravare le perdite della borsa francese, che a fine giornata ha registrato un calo superiore ai 5 punti percentuali.