Borsa: tonfo per titolo Nokia

1

La casa svedese produttrice di dispositivi mobili Nokia, ha subito un brusco crollo in borsa chiudendo le trattative con un -18%, il valore minimo ottenuto da 13 anni ad oggi.

Anche nelle prime battute della giornata odierna il titolo finlandese accusa il colpo, ottenendo un calo del 9%, un’incredibile quantità di vendita, originate dalla dichiarazione della società dalla quale emerge che con tutta probabilità nel corso del secondo trimestre di quest’anno, vi saranno numerosi fattori che andranno a colpire e danneggiare il settore business Devices & Services della società.

Le vendite previste della società sono state previste al di sotto del range 6,1-6,6 miliardi di euro, range precedentemente indicato dalla casa finlandese.

“Il profit warning lanciato ieri dal colosso finlandese della telefonia mette in evidenza il difficile momento che la compagnia sta attraversando e i rischi legati alla grande ristrutturazione del settore tecnologico” affermano da Ubs.

Cambiamenti e modifiche delle stime e del prezzo in arrivo anche per il titolo Nomura, secondo gli esperti del paniere del paese orientale giapponese, queste revisioni sono al ribasso rispetto alle previsioni emesse da Eps.

Nuova virata delle previsioni anche per il titolo Credit Suisse, il quale non muta il giudizio “underperform”, sul colosso finlandese Nokia.

Le stime relative a Eps, di quest’anno hanno subito una deflessione a 0,17 e 0,26 euro rispetto alle valutazioni precedenti emesse a 0,39 e 0,42 euro.

Riduzione anche per il target price il quale subisce una deflessione di 1,50 euro passando da 5,5 euro a 4 euro attuali.

Subiranno una dura pressione anche i ricavi relativi alla divisione D&S, secondo gli esperti della Credit Suisse per alcuni motivi: “la continua perdita di quote di mercato negli smartphone a favore di Android e Apple e la cannibalizzazione nella fascia intermedia”.