Borsa: Unicredit trascina giù Piazza Affari

UNICREDIT

Crolla Unicredit e trascina con sè il listino di Milano (-2,04 per cento) e tutti i titoli bancari in generale. Nel frattempo Parigi lascia sul terreno l’1,1 per cento, Londra perde lo 0,5 per cento, Francoforte cala dello 0,6 per cento
Dunque in Italia fari puntati su Unicredit che nel pomeriggio è tornata in asta di volatilità. Il titolo cede (teoricamente) il 14,45 per cento e dunque crolla ai minimi  storici. Il Consiglio di amministrazione questa mattina aveva fissato in 2 a 1 il rapporto d’opzione per l’aumento di capitale che prenderà il via lunedì prossimo e a 1,943 euro il prezzo dell’aumento. La decisione di prezzare a un livello così basso il suo aumento di capitale ha finito per deprimere ulteriormente i mercati facendo capire quando risultino in questo momento poco appetibili i titoli bancari.
Lo spread tra Bund tedeschi e i Btp decennali equivalenti continua a muoversi intorno ai 500 punti. Va segnalata al riguardo il risultato dell’attesa asta allemanna. In asta c’erano bund per cinque miliardi di euro: Berlino ha collocato sul mercato bund decennali, con scadenza a gennaio 2022, per 4,057 miliardi di euro con un rendimento medio all’1,93 per cento. Il bid-to-cover ratio è stato di 1.3Seduta in tono negativo anche per Wall Street: il Dow Jones cede lo 0,2 per cento, l Nasdaq 0,3 per cento e lo S&P 500 lo 0,4 per cento. Non aiuta di certo che gli ordini all’industria americana siano saliti a novembre dell’1,8 per cento contro le attese di un +2 per cento. Si tratta comunque del primo rialzo mensile dopo due flessioni consecutive.