Borse: bene i titoli di stato spagnoli, fiducia sulle decisioni Usa

BORSA PIAZZA AFFARI

Le brose attendono il pronunciamento del presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, che oggi a presenterà il rapporto sulla politica monetaria alla commissione bancaria del Senato degli Usa. In molti credono che arriveranno nuovi stimoli all’economia, visto anche il  rallentamento delle vendite al dettaglio negli States.
E così Piazza Affari viaggia in rialzo dello 0,7 per cento, Francoforte e Parigi avanzano dello 0,4 per cento, Londra è invariata. Dopo che il Fmi ha sbloccato una tranche di aiuti da 1,5 miliardi di euro per il Portogallo, lo spread nostrano è in calo a quota 485 punti base dopo che ieri aveva sfiorato la soglia dei 500 punti. I Btp rendono il 6,03 per cento, i Bund l’1,23 per cento, i Bonos spagnoli oltre il 6,7 per cento.
E’ andata bene l’asta di titoli iberici a 12 e 18 mesi. Il Tesoro spagnolo ha venduto 3,56 miliardi di euro di titoli, contro i 3,5 miliardi di euro prefissati. Sulla scadenza a 12 mesi il rendimento medio è sceso al 3,918 per cento dal 5,074 per cento dell’asta dello scorso mese, mentre su quella a 18 mesi il tasso è calato al 4,242 per cento dal 5,107 per cento di giugno. L’euro rimonta sul dollaro Usa e torna oltre quota 1,23.
Da segnalare il 3° calo consecutivo per l’indice Zew, quello che misura le aspettative del settore finanziario allemanno. L’indicatore principale è sceso posizionandosi a 19,6 punti a luglio dai 16,9 di giugno. La lettura è leggermente migliore delle attese che indicavano -20 punti.
Tokyo è sempre altalenante. L’indice Nikkei ha chiuso in lieve rialzo dello 0,35 per cento,  il Topix. relativo all’intero listino. ha invece ceduto lo 0,40 per cento. si attendono provvedimenti del governo giapponese per contenere la forza dello yen.