Borse: cauto ottimismo dei mercati europei per il vertice di domani

BORSA PIAZZA AFFARI

Continua l’attesa per il Consiglio europeo di domani. Un vertice decisivo per le sorti dell’euro e dell’UE. Le parti, però sono ancora assai distanti.  Mario Monti, presidente del consiglio, promette che tratterà ad oltranza e domani si presenterà con l’approvazione della riforma del lavoro. Segnali positivi in arrivo dalla Cina che potrebbe “introdurre ulteriori politiche proattive per stabilizzare la crescita del paese”. Una speranza che ha spinto gli acquisti sulle Piazze asiatiche.
Piazza Affari guadagna oltre l’1 per cento. Londra lo 0,4 per cento, Francoforte lo 0,4 per cento. Lo spread nostrano scende sotto quota 460 punti base con i Btp che rendono il 6,1 per cento anche dopo il collocamento da parte del Tesoro di 9 miliardi di euro di Bot a 6 mesi: il tasso d’interesse pagato è salito al 2,96 per cento dal 2,104 per cento di maggio, raggiungendo i massimi dallo scorso dicembre 2011. Giuseppe Vegas, il presidente della Consob, propone la costituzione di un fondo tripla “A” cui conferire tutti gli asset più pregiati dello Stato, a cominciare dalla riserve auree.
In Spagna lo spread viaggia a 530 punti e i Bonos rendono quasi il 6,8 per cento, ha detto il primo ministro Mariano Rajoy: “Non possiamo finanziarci a lungo agli attuali livelli di rendimento”. Ulteriore preoccupazione viene dall’andamento dell’economia. Il Pil iberico è “calato a un ritmo più intenso” nel 2° trimestre dell’anno, peggiorando rispetto ai primi 3 mesi di quest’anno. Tra il mese di aprile e quello di giugno l’attività economica spagnolo farà segnare una flessione più marcata rispetto al -0,3 per cento del 1° trimestre. Per quest’anno il governo spagnolo prevede un calo dell’1,7 per cento.