Borse: crolla il titolo della Thomas Cook

B757_ThomasCook_G-FCLJ_GVA_

Se anche un settore da sempre florido come quello del turismo scricchiola paurosamente in borsa c’è davvero di che preoccuparsi. E’ di queste ultime ore infatti la notizia del tracollo dei titoli Thomas Cook, gruppo di viaggi o per meglio dire il secondo operatore del Vecchio Contienente del settore. Il gruppo ha rese note le trattative con le banche sull’apertura di linee di credito alla luce di un mercato in costante deterioramento, sia di avere posticipato la pubblicazione dei dati dell’esercizio.
L’azione trattata alla borsa di Londra ha fatto segnalare un ribasso del 51,96 per cento a 19,75 pence. La storica società ha ammesso di aver avviato trattative con le banche creditrici: “per un peggioramento generale del quadro commerciale in alcune attività nel trimestre corrente”. Thomas Cook già il 21 ottobre scorso aveva annunciato un accordo con gli istituti di credito che gli avevano offerto  una nuova linea di credito e una maggiore flessibilità finanziaria.
Ma il rischio di default è davvero in agguato. Il titolo da inizio anno ha perso l’80 per cento! Paul Hollingworth, direttore finanziario della società, ha detto di essere tornato a parlare con le banche per ottenere una nuova linea di credito dal valore di 100 milioni di sterline, in aggiunta a quella già chiesta nel mese di ottobre.
«La cosa più sensibile e prudente da fare – ha sottolineato Paul Hollingworth – è iniziare subito a discutere ora con gli istituti di credito per aprire una nuova linea di credito ed evitare di avere una acuta tensione finanziaria nelle nostre casse».