Borse europee positive Bund-BTp alti

piazza-affari-borsa-milano

Parola d’ordine cautela. Così inizia la giornata in Piazza Affari con rialzi per le principali Borse europee in avvio di seduta. A Piazza Affari il FTSE MIB guadagna lo 0,54% mentre il FTSE IT All Share segna +0,50 per cento. Meglio il CAC 40 di Parigi (+0,90%), il DAX 30 di Francoforte (+0,95%) e l’Ibex 35 di Madrid che segna un rialzo dello 0,38 per cento. Gli operatori appaiono in attesa di diversi dati macroeconomici dagli Stati Uniti, che verranno diffusi a partire dal primissimo pomeriggio. Prevale maggiore cautela sulle piazze asiatiche con Tokyo che chiude sul filo della parità. A Milano il miglior titolo è Fiat Industrial (+3,41%), Pirelli (+2,74%) ed Exor (+2,38%) sulla scia del buon andamento del comparto auto a livello europeo. Gli altri settori premiati dagli acquisti sono quelli delle costruzioni e dei media. Deboli i titoli del credito. Ne soffrono Intesa Sanpaolo (-0,44%) e Unicredit (-0,54%). L’incertezza sui saldi della seconda versione della manovra-bis (mancherebbero tra 4 e 5 miliardi) continua a pesare sui titoli del debito pubblico italiano. Il rendimento del BtP decennale viaggia sui massimi giornalieri a 5,15% e lo spread con il Bund é risalito a 301 punti, dopo un picco in apertura 303 e una retromarcia in area 298-299.

Per gli operatori pesano i dubbi sui saldi della seconda versione della manovra-bis, mancherebbero circa 4-5 miliardi, la coperta sembra corta per raggiungere il pareggio del bilancio nel2013. C’é anche un altro fattore che viene valutato, mentrela Franciain occasione della manovra correttiva ha tagliato le stime sul Pil, il governo italiano per ora continua a confermare +1,1% nel 2011 e +1,3% nel 2012. Al contrario Fmi, Bankitalia, Confindustria e gli uffici studi di numerose banche hanno già tagliato le stime per il biennio in questione ben al di sotto dell’1%. Per cui ancora non si capisce se i saldi della manovra considerano questo deterioramento della congiuntura che comnque peserà sul denominatore del rapporto deficit/pil e debito/pil.