Borse: i listini mondiali volgono a un leggero ottimismo

BORSA PIAZZA AFFARI

I principali listini europei sono positivi nonostante le preoccupazioni per la possibile uscita della Grecia dalla UE e il fatto che, nonostante le pressioni, la Germania continua a opporsi all’emissione degli Eurobond.
Piazza Affari viaggia intorno a +0,5 per cento, Francoforte +0,9 per cento, Parigi +0,3 per cento, Londra è piatta. Intanto il nostro spread viaggia intorno a quota 414. In Spagna il titolo Bankia è sospeso: la banca si appresta a chiedere aiuti per 15 miliardi di euro al governo.
In Asia Tokyo in rialzo dello 0,2 per cento, ma al termina di una delle settimane peggiori degli ultimi venti anni. Sony ha perso il 4,5 per cento, scivolando al livello più basso dal 1980, viste le incertezze sull’economia mondiale, la forte concorrenza e il rafforzamento eccessivo dello yen. Per il resto Hong Kong ha guadagnato lo 0,25 per cento, Shanghai ha perso lo 0,74 per cento, Seul ha chiuso in rialzo di oltre mezzo punto (+0,53 per cento).
Fra i dati macro da segnalare che prezzi al consumo ad aprile in Giappone sono saliti dello 0,2 per cento, stesso rialzo di marzo, visti i prezzi dell’energia.
Wall Street ha chiuso contrastata, recuperando nel finale. Alcune notizie migliori delle stime dal fronte del lavoro e industriale statunitense non hanno annullato i timori sulla crisi ellenica. Il Nasdaq è calato dello 0,38 per cento, lo S&P 500 è salito dello 0,14 per cento, il Dow Jones ha guadagnato lo 0,27 per cento.
In leggero rialzo l’euro che segna 1,2579 contro il dollaro Usa. Rispetto allo yen la moneta unica sale sopra quota 100 e passa di mano a 100,02.