Borse: in negativo Piazza Affari, cattivi i dati statunitensi

BORSA LONDRA

Vendite in Europa dopo i dati deludenti dall’economia statunitensi. Piazza affari cede l’1,5 per cento, Londra recupera lo 0,1 per cento, Parigi perde l’1,1 per cento Francoforte cede lo 0,4 per cento.
Seduta in ribasso a -0,2 per cento per il Dow Jones e lo S&P 500, Nasdaq piatto e dopo che negli States, le richieste di sussidio di disoccupazione sono scese di 2.000 unità a quota 386.000 laddove gli analisti puntavano su una flessione più che doppia.
Le vendite di case esistenti negli Usa sono calate in marzo del 2,6 per cento a quota 4,48 milioni di unità. Seconda perfomance consecutiva negativa peggiore delle attese degli analisti che si attendevano un rialzo dello 0,4 per cento. In calo, oltre le aspettative, l’attività di business del distretto di Filadelfia. L’indice è sceso a 8,5 punti in aprile dai 12,5 di marzo. Le attese degli economisti era di 10,7 punti.
Il superindice dell’economia Usa, il Conference board, è salito dello 0,3 per cento lo scorso mese, dopo il progresso dello 0,7 per cento di febbraio. Il dato è superiore alle attese degli esperti.
Chiusura in calo per l’indice Nikkei, la Borsa di Tokyo ha perso lo 0,82 per cento. Si vive un atteggiamento cauto per il nuovo deficit commerciale record registrato a marzo, visto il rialzo della bolletta energetica e malgrado un incremento delle esportazioni di automobili. Le importazioni sono balzate del 10,5 per cento su base annua a 59,3 miliardi di euro, mentre le esportazioni sono aumentate del 5,9 per cento a circa 58,5 miliardi di euro. Nel resto dell’Asia l’indice Hang Seng, a Hong Kong, ha chiuso a +1,03 per cento, il Kospi di Seul cede lo 0,23 per cento, il Composite di Shanghai ha perso lo 0,09 per cento.