Borse: mercati in rialzo per la prossima decisione tedesca sul “salva-stati”

BORSA MILANO

Borse in rialzo in Europa sulla scia della notizia che la Consulta tedesca non rinvierà la decisione sul Fondo Salva Stati e dei dati macro del Vecchio Continente.
Così Piazza Affari sale dello 0,69 per cento, Londra dello 0,56 per cento, Francoforte dello 0,9 per cento, Parigi dello 0,6 per cento.
A trainare i listini sono i dati economici di Francia e Germania che hanno anticipato quelli dell’Eurostat per l’area euro. Nel 2° trimestre, l’economia allemanna è cresciuta dello 0,3 per cento mensile e dell’1 per cento su base annuna. Il Pil ha avuto un incremento dello 0,3 per cento rispetto al periodo precedente. Le previsioni degli esperti erano di +0,2 per cento. A sostenere il Pil i consumi  e le esportazioni che hanno compensato il calo degli investimenti. La fiducia degli investitori allemanni questo mese è risultata in calo per il 4° mese consecutivo. L’indice Zew  ha segnato un -25,5 punti dai -19,6 punti del mese scorso, al di sotto delle stime degli analsiti (-19,6). E’ il livello più basso di quest’anno.
In Francia la crescita è ferma, pari a 0, ma si prevedeva un calo per il 2° trimestre dello 0,1 per cento. L’economia d’oltralpe evita per poco di fare un 1° passo verso la recessione, come prevedeva la Banca di Francia. Si tratta invece del 3° trimestre di stop. Quanto all’Eurozona, il Pil cala dello 0,2 per cento
In Francia rallenta l’inflazione, così come in Spagna, dove però cresce quella tendenziale. L’indice dei prezzi al consumo è calato dello 0,4 per cento lo scorso mese dopo essere rimasto piatto nel mese di giugno in rapporto al mese precedente. Su base annua l’inflazione è confermata all’1,9 per cento. La contrazione è dovuta in larga parte ai saldi estivi che hanno influenzato i prezzi di calzature, abbigliamento, e altri prodotti manifatturieri, ma anche alla flessione dei prodotti freschi.