Borse: mercati in negativo in attesa dell’esito del vertice di Bruxelles

BORSA LONDRA

E’ una seduta all’insegna della estrema prudenza nel Vecchio Continente, anche se i dati macro economici provenienti dagli Usa hanno mitigato, almeno in parte, le preoccupazioni sull’andamento di quela che rimane la 1ª economia del mondo. Resta però il grande punto interrogativo del Consiglio europeo a Bruxelles che si svolge fra oggi e domani.
Si tratta infatti di un vertice che potrebbe risultare decisivo per la salvezza dell’euro e per scongiurare il propagarsi della crisi dall’Europa a tutto il resto del pianeta. I temi caldi in gioco sono la crescita, il rigore e la difesa dei Paesi dalla speculazione, la cessione di sovranità, l’integrazione…
A Piazza Affari il Ftse-Mib perde lo 0,7. Nel resto del Vecchio Continente Parigi cede l’1,3 per cento, Londra perde l’1 per cento, Francoforte l’1,8 per cento.
Lo spread nostrano è in salita a 472 punti base dopo aver sfiorato quota 480. Salgono anche i rendimenti dei titoli di stato italiani. Nell’asta di oggi il Btp a 5 anni è stato collocato per 2,5 miliardi di euro a fronte di una domanda pari a 3,82 miliardi con un rendimento lordo del 5,84 per cento, in aumento di 0,18 punti rispetto all’asta precedente. In rialzo anche il rendimento del Btp a 10 anni: il tasso lordo sale al 6,19 per cento, 0,16 punti in più rispetto all’asta ddi maggio. Il btp decennale è stato collocato per 2,92 miliardi di euro a fronte di una domanda pari a 3,749 miliardi di euro.
Intanto sui mercati la moneta unica europea è scambiata a 1,2425 contro il dollaro Usa e 98,56 contro lo yen giapponese.