Borse: seduta nerissima per Wall Street a causa del settore immobiliare

TORO WALL STREET

Ieri sera Wall Street è letteralmente colata a picco, subendo le più forti perdite in 3 settimane e le seconde peggiori di tutto il 2012. A colpire i listini sono state le cattive notizie giunte nel corso della mattinata dal settore immobiliare, con le vendite di case esistenti calate dell’1,5 per cento, e dalla Fed di Filadelfia, il cui indice è calato questo mese ai livelli più bassi da agosto dello scorso anno.
A influire pesantemente sull’andamento dei listini anche la decisione dell’agenzia Goldman Sachs, che ha raccomandato ai propri clienti di spostarsi su posizioni più corte, e la notizia che Moody’s avrebbe tagliato il rating delle grandi istituti di credito internazionali dopo la chiusura dei mercati.
Lo S&P 500 ha ceduto il 2,23 per cento, il Dow Jones ha perso l’1,96 per cento, il Nasdaq è calato del 2,44 per cento .
L’euro è stabile a 1,2536 dollari Usa, dopo il forte calo di ieri in seguito al downgrade da parte dell’agenzia di rating Moody’s sulle maggiori quindici banche statunitensi ed europee quando la moneta unica era scivolata a 1,2540 dollari Usa, vale a deire il livello più basso degli ultimi 5 mesi. La moneta unica del Vecchio Continente viene scambiata a quota 100,74 contro lo yen.
importante oggi  Roma l’incontro che Mario Monti avrà con Merkel, Hollande e Rajoy. Meeting deciviso in vista del vertice Ue del 28 e 29 giugno. Il presidente del Consiglio prova a convincere la cancelliera tedescaa diventare meno rigorosa e ad accettare deroghe alle severe norme di contenimento del deficit e alla possibilità di aprire alla nascita dei famosi Eurobond.