Borse: vola ancora Premafin. Ancora in calo lo spread

BORSA MILANO

Apertura di settimana sul filo di una leggera discesa per le borse del Vecchio Continente. Piazza Affari guadagna lo 0,2 per cento, Francoforte cede lo 0,7 per cento, Londra perde lo 0,5 per cento, e Parigi lo 0,8 per cento. Tra i titoli migliori a Milano spicca Monte Paschi di Siena che guadagna l’1,23 per cento dopo l’annuncio dell’elezione a presidente di Alessandro Profumo. Sul fronte assicurativo Premafin torna agli scambi e resta sempre molto performante (+10,88 per cento), bene anche Fonsai (2,93 per cento) .
Il differenziale fra Btp italiani e Bund tedeschi è in leggero calo a 280 punti rispetto alla chiusura di venerdì a 281. Il titolo decennale rende il 4,791 per cento, il titolo quinquennale il 3,827 per cento e il titolo biennale il 2,188 per cento.
Il Nikkei di Tokyo chiude ai livelli più alti dalla triplice catastrofe del sisma/tsunami dell’11 marzo dello scorso anno. L’indice di riferimento, portatosi a quota 10,141,99 (un +0,12 per cento), ha toccato il massimo dall’11 marzo del 2011, quanto chiuse a 10.254,43 punti. Nel resto dell’Asia il Composite di Shanghai ha guadagnato lo 0,23 per cento, l’indice Hang Seng di Hong Kong ha perso lo 0,95 per cento, il Kospi di Seul è salito dello 0,62 per cento.
Euro sostanzialmente stabile nei primi scambi sui mercati valutari del Vecchio Continente. La moneta unica passa di mano a 1,3168 dollari Usa (contro la chiusura di venerdì di 1,3169 dollari) ed a 109,81 yen (109,89 yen venerdì sera).
Il petrolio è ancora in rialzo sul mercato di New York. Il greggio Wti con consegna ad aprile sale dello 0,4 per cento a 107,48 dollari al barile, mentre il Brent scambiato sull’Ice di Londra guadagna 10 centesimi portandosi a 125,91 dollari.