Calciomercato Juventus: occhio di riguardo ai numeri di una società quotata in borsa

juve

Manca poco alla fine del campionato e già in casa Juve si fanno i conti per la stagione prossima. La Juventus a giugno si troverà con un passivo di circa 58 milioni di euro. La dirigenza non dovrebbe avere problemi a coprire il buco con le riserve, circa 80 milioni di euro. Il fatto che la Juventus sia una squadra quotata in borsa non aiuta la società. Gli addetti ai lavori e gli esperti dicono che alla fine la Juve farà affidamento alle riserve ma fermandosi a 50 milioni di euro. Comunque, tralasciando discorsi tecnici ed esclusivamente economici, il bilancio della stagione che sta per concludersi è del tutto negativo.
Obiettivi sportivi falliti completamente, squadra che ha perso ogni punto di riferimento e finale di stagione che, a meno di improbabile cambi di rotta, difficilmente porterà delle soddisfazioni ai tifosi della Vecchia Signora.
A questo bisogna poi aggiungere altre considerazioni, che riguardano da vicino il mercato condotto nel corso dell’estate scorsa e che inevitabilmente si ripercuoterà su quello prossima. Ci sono circa 40 mil da spendere per i riscatti.
Dando per scontati quelli di Quagliarella e Matri, ci sono altre situazioni aperte in questo senso. Basti pensare al caso di Alberto Aquilani, un giocatore di qualità che però nel corso della stagione non ha incantato, con un prezzo di riscatto fissato intorno ai 17 milioni di euro.
Marotta nelle ultime settimane ha parlato di 3-4 innesti di qualità per la Juve, per la prossima stagione. Ecco allora che la cifra per il rilancio dovrebbe essere vicina ai 150 mil di euro.
Per quanto riguarda i nuovi colpi della squadra bianconera, si parla di Bastos, calciatore attualmente in forza al Lione e di Andrea Pirlo, giocatore non proprio giovanissimo ma sicuramente di grande qualità.
Buone notizie per la Juventus arrivano dal nuovo stadio, che senza subire alcun ritardo, sarà pronto per l’inizio della prossima stagione, diventando così il primo stadio di proprietà in Italia.