Consigli vacanze estate 2011: occhio al salvadanaio

100

Possedere 100 cose, e basta. Anche 105 va bene oppure solo 94, ma non migliaia di oggetti che girano per casa e che si accumulano a strati in armadi e ripostigli costantemente travolte da nuove ondate di acquisti.  Uno tsunami devastante sia per loro che per le nostre finanze. Dare un taglio al superfluo è la sfida di questa epoca. È la sfida delle 100 cose, un movimento che invita a condurre una vita all’insegna della semplicità. Tutto quello che ci ha dato il consumismo è armadi incasinati, garages e bollette di carte di credito. È ora di darci un taglio. Soprattutto ora che si avvicinano le vacanze e molti di noi non possono permettersi una piccola fuga nel posto desiderato a causa della crisi e delle inutilità acquistate in passato. Soldi buttati. Le personali liste delle 100 cose in internet abbondano e fanno capire che si può essere felici e cool anche solo con 100 cose, e che Steve Jobs sarebbe ricco lo stesso anche se tutti aderissero a questo movimento. Insomma essere minimalisti non è una cosa da sfigati e il marketing sopravvive benissimo lo stesso.

Nel periodo dei saldi è facile lasciarsi ingannare da offerte che sembrano impedibili e da prezzi stracciati che in realtà non lo sono. Il rischio di fare acquisti avventati è dietro l’angolo e addio vacanza dei sogni o anche solo weekend! Così come nella spesa di tutti i giorni bisogna avere criterio.  Lo shopping risolleva il morale, è vero, ma se le vostri finanze non brillano è opportuno fare una lista di ciò che è indispensabile comprare. Portate con voi soltanto l’esatta somma di denaro che avete calcolato di poter spendere. Lasciate a casa bancomato e carte, la tentazione di utilizzarle sarebbe troppo forte. I prodotti prossimi alla scadenza costano di meno, come quelli sotto il nominativo del supermercato. Provate, vi stupirete della qualità. Non fatevi ingannare dal posizionamento della merce negli scaffali, è frutto di studi approfonditi!

Seguendo piccole regole vi ritroverete a risparmiare centinaia di euro l’anno, che potrete utilizzare per le tanto sospirate vacanze, come per imprevisti o investimento in qualcosa che vi sia davvero necessario e vi faccia davvero felici, più di un effimero ghigno di soddisfazione per l’ennesimo inutile acquisto.