Crisi economica: gli obiettivi del Governo Monti

453px-Il_Presidente_del_Consiglio_incaricato_Mario_Monti_(cropped)

Quando è nata la crisi economica che il Paese sta vivendo? L’Italia potrebbe davvero finire come la Grecia? E cosa vuol dire finire come la Grecia? Circa una settimana fa durante la consueta puntata di Ballarò su Rai Tre, è stato mostrato come lo Spread della Grecia nei confronti dei titoli tedeschi fosse di oltre 2000 punti. L’Italia ha iniziato a sentire vento di crisi quando ha superato quota 500. In Grecia sono previsti tagli al lavoro pubblico per migliaia di unità, mentre sono aumentati a dismisura i costi dei beni come carburanti ed affini. In Italia, al momento, le aziende dei trasporti pubblici sono drammaticamente allo sfascio: si continuano a finanziare i lavori della linea veloce (Marco Travaglio durante Servizio Pubblico del 22 dicembre ha mostrato come non sia commercialmente conveniente proseguire nella costruzione dei corridoi verso l’Europa) mentre si taglia il trasporto locale ed il trasporto dal Sud verso il Centro ed il Nord. In un’azienda come la Circumvesuviana, ad esempio, non si assume a tempo indeterminato dagli anni ’80, e man mano che i dipendenti vanno in pensione non si introducono nuove unità lavorative. Moltissimi presidi ospedalieri stanno arrivando alla chiusura, gli stipendi di molti dipendenti pubblici sono a rischio mentre colossi come la Fiat vanno avanti proponendo contratti di lavoro lesivi della dignità dell’operaio come quello di Pomigliano prima della costruzione della nuova Panda. I Sindacati restano imbavagliati e il potere d’acquisto dei salari è calato ulteriormente negli ultimi due anni, mentre la precarizzazione del lavoro impedisce ai giovani di investire nell’acquisto di immobili.

La manovra Monti, dal canto suo, ha introdotto una maggiore pressione fiscale sui ceti medio bassi, diminuendo ancora di più il potere d’acquisto di cui sopra. Gli obbiettivi dichiarati del Governo attuale sono tutti centrati sull’evitare la crisi rilanciando l’economia. Ma siamo proprio sicuri che i metodi individuati per farlo siano adatti ad un paese in cui la situazione reale è quella poc’anzi descritta?