Crisi libica: da oggi scattano le sanzioni dell’Ue. Congelati i beni di Gheddafi

crisi-libica

Mentre dalla Libia giungono notizie non proprio confortanti a riguardo della nuova offensiva lanciata da Gheddafi e dalle forze governative a lui fedeli sulle città di Brega e Ajdabiya, nella regione Cirenaica, per la riconquista dei terminal petrolifici, intanto, in Europa entrano in vigore oggi le sanzioni adottate lunedì dall’Unione Europea contro la famiglia Gheddafi.

In breve, le sanzioni prevedono il congelamento dei beni e il blocco dei visti per il rais libico Muammar Gheddafi e il suo entourage. In tutto sono circa 26 le persone iscritte nella lista nera di Bruxelles.

La situazione in Libia continua a essere drammatica. A questo punto, nessuna ipotesi viene esclusa.

La Nato per il momento non intende intervenire in Libia ma non è certo che le cose rimangano immutate.

L’ipotesi di un intervento della Nato, difatti, anche se oggi assolutamente improbabile, con il perdurare della situazione di stallo e di guerra civile, potrebbe divenire una possibilità concreta.