Crisi libica: nuovo sbarco a Lampedusa

immigrati clandestini

Dopo una settimana di tregua, nuovo sbarco di clandestini a Lampedusa. Sono 347 i nordafricani sbarcati intorno alle 3.30 del mattino.

Tra loro anche quattro donne e due giornalisti tedeschi, partiti con i maghrebini dalla costa nordafricana nella sera tra lunedì e martedì, con l’intento di filmare il viaggio della disperazione.

I nordafricani, di cui non si conosce ancora la nazionalità, erano a bordo di un grosso barcone, rintracciato dalla Guardia Costiera.

Il ministro dell’Interno Roberto Maroni ha affermato che ci sono decine di migliaia di persone in fuga.

Più 60mila disperati sono accampati in in Tunisia ed altrettanti ancora in Libia. L’incubo del grande esodo è purtroppo una possibilità concreta.

La situazione di stallo presente in Libia, inoltre,aggiunge Maroni, accresce la paura di infiltrazioni da parte di Al Qaeda. Per questo conclude il ministro leghista, la Libia deve essere stabilizzata al più presto, altrimenti potrebbe diventare un vero e proprio inferno, come la Somalia e l’Afghanistan.