Crisi Maghreb: Il terzo mostro del videogame

tremonti

Tremonti usa una metafora che rende molto l’idea del problema della crisi sul fronte Maghreb, il Ministro le definisce “il terzo mostro del videogame”, in ordine al primo posto il Tremonti mette al primo posto la crisi finanziaria avviata dagli Stati Uniti, e al secondo posto il debito dell’Europa.

Tornando alla metafora il ministro dell’Economia afferma che purtoppo, il problema che affligge l’Economia è sempre lo stesso solo si manifesta in modalità sempre diverse ed ogni volta crea delle instabilità che minano alla ripresa del nostro paese, ma anche a danneggiare la situazione politico-sociale dell’Italia.

Il ministro evidenzia la necessità di porre sotto stretta attenzione gli aspetti diversi che compongono questa crisi,come ad esempio “ “la speculazione sui prodotti alimentari che ha provocato le rivolte”, ed in secondo luogo bisogna analizzare a fondo che ruolo giocano i social network:”Sarebbe importante sapere se dietro questi giovani in rete c’è o meno qualcuno, ed eventualmente chi, perché delle due l’una: o sono stati così bravi da produrre il rovesciamento del sistema, oppure sono stati tanto ingenui da farsi strumento”. Tuttavia, aggiunge, nelle rivolte per ora “non vedo una regia religiosa o anti-occidentale”.