Equinozio di Primavera 2012: Logo Google e passeggiata – labirinto

equinozio 2012

Questa mattina alle ore 05:14 è cominciato l’equinozio di primavera, giorno in cui la notte dura tanto quanto il dì. Il fenomeno è dovuto al posizionamento del Sole in linea perpendicolare con l’equatore, posizione che di fatto divide in due parti uguali le zone illuminate e le zone buie della Terra.

Questo disegno vi spiega perfettamente il funzionamento dell’equinozio terrestre, che cade, oltre che a marzo, anche a settembre con l’arrivo dell’autunno. Oltre a questo, avrete dato anche una occhiata al disegno che compare nella home page di Google per celebrare il Primo giorno di primavera. Questo permetterà a milioni di persone di saperne di più  sull’equinozio di primavera!

Chi è Marimekko?

Il disegno di oggi è stato realizzata dall’azienda finlandese Marimekko, che ha sede nella città di Helsinki. Si tratta di una delle aziende di design storiche della Finlandia e tra le più conosciute a livello mondiale: nata nel 1951 per mano di un imprenditore impegnato nella tela cerata, dagli anni ’60 s’è specializzata nel disegno e nella stampa di tessuti per abiti femminili e per l’arredamento.

Come mai Google ha scelto Marimekko? Negli Stati Uniti l’azienda è tanto famosa quanto in Finlandia. Marimekko arrivò in America negli anni ’60, quando Jacqueline Kennedy, la moglie di John Fitzgerald, scelse Marimekko per gli abiti indossati dal marito durante la campagna presidenziale. Pensate che oggi famose serie tv americane come Sex and the City comprano l’abbigliamento presso Marimekko. I suoi negozi più famosi sono situati a New York, Cambridge, Massachusetts, Oxford, Mississippi, Miami, Florida, Vancouver

Lo sai che…?

La parola “equinozio” deriva dal latino: “equi” e “noctis”, “notte uguale”. A cosa? Al giorno, ovviamente!

L’equinozio di primavera non è un giorno, ma un istante: quello che, ad inizio articolo, abbiamo fissato all’interno delle ore 05:14, così come fornito dal calendario esatto per l’anno solare 2012. Per un solo istante il sole si trova ad una angolazione di 0° di latitudine durante il suo percorso!

Per via degli effetti della precessione planetaria (il procedimento per il quale la terra fa cambiare lentamente l’orientamento del suo asse di rotazione), gli equinozi si spostano di 1° ogni 71,6 anni, in pratica, ogni 12.900 anni le inclinazioni della terra si oppongono. E per questo, ogni anno, l’equinozio avviene ad un orario diverso: l’anno prossimo ci sarà alle 11:02 del 20 marzo.

L’equinozio di primavera coincide con una delle festività più antiche del mondo: da circa 4700 anni infatti, in occasione di questo giorno, si celebra in Egitto la festa dello Sham El Nessim. Lo storico Edward William Lane scriveva che in occasione di questa festa “molte persone, soprattutto donne, spezzano una cipolla, e la annusano, altre persone invece girano in barca, vanno in giro a prendere l’aria, pensando che abbia un valore straordinariamente benefico”. Questa festa viene vista dagli egiziano come l’inizio della fertilità e della salute per le loro terre.

L’equinozio più bello del sistema solare è quello di Saturno: il buio è intensificato dai suoi anelli che ne assorbono la luce anche nella metà meglio illuminata.

Il labirinto di Seattle

A Seattle, in America, presso il Solstice Park sito al 7400 di Fauntleroy Way, oggi c’è un importante evento spirituale: la prima “passeggiata – labirinto” per accogliere l’Equinozio di Primavera.

Di cosa si tratta? Di “uno straordinario strumento per la trasformazione del nostro corpo, della mente e dello spirito”, come si legge nel comunicato di invito all’evento. In pratica, viene allestito un labirinto (qui trovate una foto in un articolo del West Seattle Blog) all’interno del quale, tra le ore 7 e le ore 9 del pomeriggio, in piena fase dell’equinozio in quella zona d’America, si può seguire un percorso secondo i principi geometrici del non-ritorno. Si arriva al centro, e poi di nuovo indietro, una sorta di escursione riflessiva dove “la destinazione non è importante, l’importante è il viaggio”. Questa esperienza è collegata alle tradizioni degli antichi spiriti indiani, i quali vedevano l’arrivo della primavera come importante occasione riflessiva. Speriamo che a qualcuno non venga il mal di testa.