Facebook, il colosso di Internet vuole comprare 20 società

Facebook Lawsuit

I love shopping, potrebbe essere il titolo perfetto del film che racconti le ultime vicissitudine del colosso dei social network. Facebook non la smette di fare shopping. Dopo aver acquisito lo scorso anno dieci società e una nel 2009, ha intenzione di comprare almeno 20 società nel 2011. È quanto emerge dall’intervista rilasciata da Vaughan Smith, direttore del corporate development di Facebook, all’agenzia Bloomberg.
Per la grande F di Palo Alto è un modo per aggiungere nuovi talenti al team e per acquisire nuove competenze in particolare nei settori del web design e delle applicazioni mobile, una priorità per il social network. Con il numero di utenti che cresce a dismisura (oltre 750 milioni), il sistema che diventa sempre più complesso all’aumentare dei servizi offerti e con ben un terzo degli utenti che si connette al social network attraverso smartphone, la capacità di gestire la complessità del sistema – mantenendo un’interfaccia semplice – è vitale per il successo di Facebook nel futuro. La corsa alle acquisizioni è anche stimolata dalla concorrenza sempre più agguerrita nel settore dei social network dopo che, lo scorso giugno, Google ha lanciato Google+, che alla fine di luglio aveva già 29 milioni di utenti, secondo i dati della società di ricerca ComScore. Google ha intenzione di assumere 6mila persone quest’anno a livello globale.
«Facebook sta semplicemente cercando in tutti i modi di avere al suo interno le persone più intelligenti», ha commentato Debra Aho Williamson, analista di EMarketer. E un altro segnale che Facebook crescerà di dimensioni viene dal piano di espansione degli uffici che ospitano il dipendenti del social network.
Secondo quanto riportato da quotidiano californiano San José Mercury News, Facebook costruirà un secondo edificio a Menlo Park, su un sito di 23 ettari. Grazie al nuovo palazzo, gli uffici di Facebook potrebbero passare, in cinque anni, a ospitare fino a 9mila dipendenti. Adesso nei due palazzi al Standford Reseach Park lavorano poco più di 1.500 persone. Un gran bel schiaffo morale alla crisi e a chi finge di volerla risolvere.