Forex Trading: timido recupero per EUR/USD

Ed ecco che dopo due giornate di discesa l’Euro tenta un timido recupero, ma si resta comunque sui minimi degli ultimi 11 mesi. Quello che gli investitori si attendono è «qualche azione aggressiva dalle autorità europee per provare a calmare i nervi e questo è fondamentale a questo punto» nelle parole dello strategista di RBS, Greg Gibbs.

E intanto la Moneta Unica ha fatto segna segnare una parabola caratterizzata dalla discesa fino al supporto di resistenza di 1,2970, con successivo rialzo fino al supporto 1,3116, oscillando poi attorno a qulla quotazione senza riuscire a superare quest’altra barriera.

Per EUR/USD, il Market Mover della giornata, che ha visto anche lo borse europee e d’oltreoceano realizzare guadagni onesti, è stata la pubblicazione del dato relativo all’occupazione nel settore privato, con l’Automatic Data Processing (ASD), società si occupa di queste elaborazioni, che annuncia un incremento di 93 mila unità nel mese di novembre, il maggiore da tre anni a questa parte. Il dato si distribuisce fra i 79 mila del settore servizi ed i 14 mila legati alla produzione di beni.