Guerra Libia 2011: strage a Misurata

La guerra in Libia sta mostrando la sua faccia più oscura nella città di Misurata. La battaglia combattuta a Misurata, terza città della Libia, tra le truppe di Muammar Gheddafi e gli insorti, è stata tremenda.

Fonti mediche giunte direttamente dal campo di battaglia hanno comunicato che in una settimana di scontri in città ci sono stati 109 morti e oltre 1300 feriti. Una vera e propria carneficina.

Ieri, come abbiamo puntualmente riportato, gli uomini di Gheddafi avevano riconquistato il porto della città. Nel porto erano rimasti bloccati migliaia di lavoratori stranieri. I ribelli sostengono anche di aver ucciso 30 cecchini del regime.

Ad Ajdabiya, in Cirenaica, città strategicamente fondamentale per il rais, le truppe del Colonnello starebbero trattando la resa con i ribelli libici, che da giorni assediano la città, da poco riconquistata da Gheddafi.

La conquista di quella zona è considerata importante dal punto di vista strategico soprattutto per il fatto che questo è il posto in cui passano i rifornimenti che giungono da Tripoli , dove si trova il contingente più numeroso di militari pro-Gheddafi.