Ifa Berlino 2011 hi-tech e social network

samsung-Galaxy-Q-ifa-2011

Per gli esperti è già la svolta social dell’elettronica, quella avvenuta all’Ifa 2011 di Berlino. Computer e smartphone sono diventati i mezzi principali per essere sempre in contatto con amici e conoscenti attraverso i social network. Ora però alcuni prodotti presentati alla fiera, la più importante europea dell’elettronica di consumo, dimostrano come la connessione con i social network diventa possibile attraverso mezzi prima impensabili. La trasformazione della tv, ad esempio, da apparecchio passivo in strumento attivo di comunicazione non poteva non coinvolgere anche il mondo dei social network. Nuovi televisori come il 55LZ2 di Toshiba consentono di accedere ad un nuovo servizio offerto dalla casa giapponese chiamato My places, servizio disponibile anche sui laptop e i tablet di ultima generazione della casa nipponica. L’acquirente verrà dotato da Toshiba di un ID che gli permetterà di accedere ad uno spazio informatico da personalizzare con foto, documenti e video creati da ciascuno o scambiati con altri utenti attraverso servizi come Flickr e Dailymotion. Successivamente si potranno portare foto e video personali direttamente dalla tv sulla propria pagina Facebook.

I social network sono la nuova frontiera della comunicazione e la tecnologia si adegua per aprire sempre nuovi orizzonti. Ed ecco che anche Tom Tom, azienda leader mondiale nel settore della navigazione, ha inglobato all’interno del suo ultimo prodotto il Go live 1015 anche la possibilità di connettersi a Twitter. Attraverso la scheda sim presente all’interno del navigatore,è possibile anche accedere alle App di Expedia e TripAdvisor per avere non solo indicazioni su come scegliere alberghi e ristoranti durante il viaggio, ma per conoscere anche il giudizio del popolo della rete sui luoghi che ci si appresta a visitare, e lasciare magari attraverso Twitter anche il proprio giudizio. Go live 1015 costerà intorno ai 350 euro e sarà disponibile inizialmente solo negli Usa, in Germania e Nuova Zelanda a partire da ottobre. Per poi arrivare anche in Italia successivamente.