Italia Lavoro: in Piemonte un aiuto per i manager over 50

lavoro piemonte

In Italia, ormai è chiaro, il mondo del lavoro è molto in crisi. Le nuove tipologie di contratto che, sulla carta, avrebbero dovuto determinare nuovi concetti di lavoro cosiddetto ‘flessibile’, in realtà si sono tradotti nella vita pratica come contratti che rendono il lavoratore un ‘precario’ a tutti gli effetti.
Questa situazione, ha colpito sicuramente le nuove generazioni che, appena entrate nel mondo del lavoro, non riescono a fare concreti progetti per il loro futuro, bloccando di conseguenza l’economia.
Ma non sono solo i giovani, ad essere stati colpiti da questi nuovi assetti lavorativi.

Certamente la condizione di precarietà si è abbattuta anche su coloro che nel mercato del lavoro ci stavano da un pò di tempo, come i lavoratori della fascia 30/40 anni, che si sono ritrovati a dover modificare, in molti casi, anche il proprio tenore e stile di vita.
Situazione più drammatica invece, è quella nella quale si sono ritrovati i lavoratori dai 40 ai 50 anni. Coloro che in teoria sarebbero più vicini alla pensione piuttosto che agli esordi lavorativi, ma che, seppur hanno rivestito posizioni da specializzati, anche di eccellenza, costretti per legge a continuare a lavorare fino alla maturazione della pensione, subiscono la mobilità del mondo del lavoro in maniera ancor più difficile da gestire, in quanto figure che, per età e competenze, sono difficilmente ricollocabili nel mercato.
Ed è proprio per loro, l’iniziativa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali che, insieme a partner come Federmanager, Manageritalia, Italia Lavoro e Regione Piemonte, volta a ricollocare sul mercato del lavoro proprio i manager over 50.

L’annuncio è stato dato proprio dall’assessore regionale al Lavoro del Piemonte, Claudia Porchietto che spiega che l’operazione vedrà mettere a disposizione le risorse economiche necessarie per tutte quelle imprese che sceglieranno di reinserire dei dirigenti over 50. I parametri per la richiesta di tali fondi per il ricollocamento dei dirigenti over 50, consistono nella presentazione di una domanda da parte dei datori di lavoro che si siano dimostrati in regola nell’applicazione del contratto nazionale del lavoro, avendo espletato sempre gli obblighi assicurativi e contributivi e soprattutto dimostrando di non aver licenziato nessun dirigente nell’anno successivo alla presentazione della domanda.