Iva al 23%: da quando?

euros

L’Iva continua a salire. Altri due punti in più: è questo quello che prevede la legge del decreto Salva Italia. L’aliquota più alta dell’Iva, dal primo ottobre 2012, arriverà a toccare il 23 per cento. Lo conferma anche durante il programma Ballarò, che va in onda su Rai Tre, il viceministro dell’economia Vittorio Grilli.

Il viceministro spiega che per ridurre le tasse “non ci sono tesoretti”. E quindi? Come, secondo me giustamente, afferma il segretario generale della Cgil Susanna Camusso “era stato detto che l’aumento dell’Iva corrispondeva ad un abbassamento della tassazione”. Ma questo non corrisponde assolutamente al vero.

“Si continua ad annunciare equità – prosegue la Camusso – ma a fare politiche inique. Oggi per gli ammortizzatori sono ipotizzati 8,5 miliardi ma per arrivare ad un sistema equo e allargato bisogna arrivare a 15”. La risposta del nostro viceministro però è molto secca ma allo stesso tempo banale, monotona, scontata: “Prendiamo atto”. Speriamo almeno non siano le classiche due parole buttate al vento tanto per non discutere su uno dei problemi, molto gravi aggiungerei, del nostro paese.

Il nuovo aumento dell’aliquota infatti significa che il Governo preferisce far cassa mettendo le mani nelle tasche degli italiani piuttosto che tagliare una spesa pubblica senza limiti e caratterizzata da inutilità e sprechi. Questo è quanto afferma la Confesercenti in una nota, sottolineando che queste decisioni prese da parte dell’esecutivo avranno alcuni effetti collaterali per l’Italia.

Infatti, con un Paese che si trova in una gravissima recessione, come la nostra, e in cui i consumi sono praticamente in stallo, l’aumento dell’Iva comporterà una crescita sempre più ridotta che ci porterà in una situazione dalla quale difficilmente saremo in grado di uscirne. E’ possibile che la nostra classe politica non arrivi a capire questo? Come si può pretendere con questa politica che vi sia una ripresa economica del nostro Paese? Sono domande alle quali non so davvero dare una risposta.