Maltempo Italia oggi, news su disagi trasporti e scuole

pioggia

Continua il maltempo nella maggior parte delle città italiane. Fortissimi venti, intense piogge soprattutto al Sud e neve un po’ in tutta Italia, compreso il Mezzogiorno, con nevicate in Campania, Basilicata, Calabria e Sardegna, fino a quote 600-800 metri, oltre che su buona parte dell’Italia.

E’ questa la situazione meteo nella nostra Penisola e sembra che dovrebbe restare praticamente uguale anche nei prossimi giorni. In particolare sono previste nevicate sulle regioni centro-settentrionali e temporali sulle aree tirreniche con nevicate fino a quote collinari.

Tutto ciò ovviamente provoca disagi per la circolazione, soprattutto per i mezzi più pesanti quali tir, autobus, camion, in diverse zone d’Italia. In provincia di Cuneo per questi motivi è stato chiuso il valico della Maddalena, tra Italia e Francia. Sono e saranno inoltre chiuse molte scuole, sia nel comune di Asti sia in quello che circonda la zona di Alessandria. Ieri, sono anche stati chiusi alcuni reparti dell’ospedale delle Molinette, il principale ospedale di Torino, a causa del maltempo.

Traffico regolare invece a Milano, dove anche li la neve è scesa per tutta la notte, ma le strade sembra siano già state ripulite. Diversa invece la situazione in Liguria dove sono rimasti chiuse le scuole, i parchi, i cimiteri e i mercati. Anche la Toscana è stata toccata dal maltempo e dalla neve ma per adesso le scuole continuano a restare aperte. Alcuni problemi però si evidenziano per la circolazione, soprattutto nell’area occidentale della regione, sulla Firenze-Pisa-Livorno, chiusa a tratti.

Nessun particolare disagio invece sulla A1 verso Bologna e Roma, o per lo meno fino a questo momento. Sospesa in quasi tutta la regione Emilia Romagna però la circolazione di mezzi di peso superiore alle 7,5 tonnellate, al fine di prevenire possibili congestioni nelle zone maggiormente investite dai fenomeni nevosi in atto. Nevicate anche sulla A3, la famosa Salerno-Reggio Calabria, che porta obbligatoriamente a fare percorsi alternativi. Insomma situazione particolare in tutta Italia e per chi è obbligato a spostarsi si consiglia di essere molto prudenti.