Manovra economica 2011: la riforma pensioni

pensioni

Esclusa inizialmente dalla manovra, la riforma sull’innalzamento dell’età pensionabile è il vero giallo dell’estate. Ora potrebbe rientrare in extremis, con l’ipotesi di inserirla nel decreto legge sulle misure economiche che approda domani alla Commissione Bilancio del Senato. Il Pdl deve destreggiarsi su diversi fronti: quello interno dei frondisti e quello esterno, della Lega. Nodo principale: le pensioni appunto. Il loro ingresso nella riforma è fortemente voluto dal segretario Pdl, Angelino Alfano, ma trova resistenze nella Lega, visto il diktat di Umberto Bossi “le pensioni non si toccano”.

L’ipotesi più probabile è che si anticipi di un anno “quota 97” che finora entrava in vigore nel 2013. Al momento il sistema prevede che si possa andare in pensione, fino a tutto il 2012, con la quota 96, ossia che si può lasciare il lavoro con 60 anni di età e 36 di contributi o con 61 e 35. Dal 2013, invece scatta la quota 97: somma dell’età e dei contributi (62 più 35 o 61 più 36). Qui il nodo, perché l’applicazione di questa quota potrebbe essere anticipata di un anno. Alfano è consapevole del rischio di una crisi di governo, ma si dice pronto ad un ultimo tentativo per cercare di convincere il Carroccio. Tuttavia dall’altro lato del Po’, la rivolta dei sindaci sta provocando più di un problema al Senatùr, come le dichiarazioni ufficiali del capogruppo alla Camera, Giacomo Stucchi: “Le pensioni non si toccano. Ne sono certo perché ho fatto le due di notte con Bossi e Calderoli”.
Il nodo pensioni divide trasversalmente anche l’opposizione: al sì dell’Udc si contrappone il no di Pd e Idv. La linea è per il no, anche se Rosy Bindi si dice disposta “a discutere di riforme del Welfare, anche di quella delle pensioni. Ma non accettiamo che si voglia far cassa a danno di lavoratori e pensionati”. Pier Luigi Bersani parla di “sistema in equilibrio”, “Se si vuole innalzare l’età pensionabile media si può anche discuterne, a patto che sia previsto un sistema flessibile e volontario”.