Manovra finanziaria 2011: Fininvest e il lodo Mondadori

602-408-20110704_182021_F468483E

Il testo definitivo della manovra Disposizioni Urgenti per la Stabilizzazione Finanziaria e’ stato trasmesso al Quirinale. Eppure non mancano punti controversi. Primo fra tutti, il capitolo sulle Norme Risarcimenti che interessa direttamente la sentenza sul Lodo Mondadori. La disposizione provocherebbe la sospensione del pagamento dei 750 milioni di risarcimento dovuti da Fininvest alla Cir di Carlo De Benedetti, qualora venga confermata in appello dai giudici di Milano il verdetto di primo grado.

Entrando nel dettaglio, si tratta di una modifica a due articoli del codice di procedura civile, 283 e 373, che obbliga il giudice a sospendere l’ esecutività della condanna nel caso di risarcimenti superiori ai 20 milioni di euro (10 in primo grado) dietro il pagamento di idonea cauzione, in attesa che si pronunci in via definitiva la Cassazione. “Una disposizione palesemente immorale e incostituzionale” tuona il leader dell’Idv Antonio Di Pietro. “Se dovesse essere confermata si tratterebbe di una norma che nulla ha a che vedere con il tema dell’efficienza del processo civile, che determinerebbe una iniqua disparità di trattamento” dichiara Luca Palamara presidente dell’associazione nazionale magistrati. Intanto vengono confermati il blocco delle pensioni per il biennio 2012-2013, il taglio del 30% di tutti gli incentivi e le agevolazioni per quanto riguarda le energie rinnovabili e il superbollo. Imposizione addizionale sull’Irap per banche, assicurazioni e società finanziarie. Limitazione dei voli di stato alle cinque alte cariche della Repubblica, niente più parenti e amiche dalle gonne svolazzanti e dalle chiome lucenti sulle scalette degli aerei blu, o forse no? Dato che sono previste delle eccezioni. Le polemiche restano sulla manovra tutta lacrime e sangue che tutto doveva cambiare e dove alla fine non cambia nulla. A piangere poi sono sempre gli stessi dannati della terra, ma ce le avranno ancora le lacrime? Perché forse ormai sono un bene di lusso anche quelle.