Maxiemendamento Legge Stabilità 2011: i punti salienti

800px-PalazzoChigi

Ieri sera, in Commissione Bilancio del Senato, è stato presentato il maxiemendamento del Governo al disegno di legge di Stabilità.

La legge di stabilità verrà approvata dalla commissione Bilancio del Senato nel tardo pomeriggio di oggi, in modo da avere il via libera dell’aula del Senato nella giornata di domani ed entro sabato ricevere l’approvazione definitiva alla Camera. Sono 23 pagine, 25 articoli e 10 punti: così è composto il Maxiemendamento. Stamane la Commissione è stata impegnata con gli emendamenti che l’opposizione ha mantenuto, mentre questo pomeriggio verranno esaminati quelli del Governo. I punti salienti che il testo prevede sono: la cancellazione di ogni riferimento ai minimi tariffari per i professionisti; la possibilità di costituire Società tra professionisti, cioè società per l’esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema come previsto dai titoli V e VI del libro V del codice civile; la riforma degli ordinamenti professionali entro un anno con un DPR, che dovrà avvenire con un decreto del Presidente della Repubblica e non più con legge ordinaria, che comporta tempi più lunghi. Questi i punti salienti. Verranno inoltre inserite nuove misure come: la detassazione dei capitali investiti nella realizzazione di infrastrutture, le dismissioni di immobili e terreni agricoli pubblici, i finanziamenti per i porti, la liberalizzazione dei servizi pubblici locali, la semplificazione normativa, gli incentivi per il lavoro, le misure per velocizzare il processo civile e le norme per rendere più efficiente l’utilizzo delle risorse comunitarie. Domani, il neoeletto senatore a vita, Mario Monti, sarà presente in aula a Palazzo Madama per la discussione e il voto sulle misure per la crescita chieste all’Italia dall’Europa, atto finale del governo Berlusconi.

Chissà dalla prossima settimana cosa accadrà.