Mercati in crescita: infotainment per automobili

Alfa_Romeo_159_sw

Gli automobilisti fanno vedere che hanno un fortissimo interesse verso le recenti tecnologie elettroniche e questo fa aumentare l’espansione per i mercati dei sistemi di infotainment del settore, continuando quindi a percorrere un trend positivo che dura ormai da due anni.

Nel 2001 il fatturato che generava il settore dell’infotainment automobilistico era infatti pari a quota 32,5 miliardi di dollari, con una crescita del 3,4 per cento dal 2010, per il 2012 invece le previsioni sono molto più alte. Si pensa di raggiungere il traguardo dei 33,5 miliardi di dollari.

E non dovrebbe fermarsi qui la crescita del settore perché per i prossimi quattro anni dovrebbe continuare a salire, prevedendo nel 2016 un giro d’affari di 41,2 miliardi di dollari. Quello che va più di moda sono le apparecchiature wired o wireless come le soluzioni bluethhth, WiFi e USB per i veicoli.

I dati vengono dalla società di mercato IHS iSuppli. Pare che il mercato dell’infotainment automobilistico sia uno dei pochi che sia riuscito a sopravvivere ai disastri naturali in Giappone e in Thailandia. L’analista Luca De Ambroggi dice che: “L’industria è pronta a registrare una buona crescita, grazie anche all’espansione della vendita delle automobili, la crescita della produzione spinge verso l’alto i fatturati per il mercato infotainment”.

Quest’ultimo infatti cresce sempre di più soprattutto in base all’espansione nella produzione globale automobilistica e i paesi più produttivi sono il nord America, la Cina e l’area EMEA. In Giappone dopo i vari disastri è senz’altro diminuita ma comunque rimane uno dei settori che continua a resistere e, dopo quello che è successo, non è per niente roba da poco.