Mercato Pasqua 2011: 400 milioni di uova e prezzi alle stelle, allarme Codacons

uovo

In arrivo una bella stangata pasquale quest’anno che interesserà soprattutto il prezzo di uova e colombe. Rincari record, con aumenti medi dell’8,3% per le colombe e del 9,5% per le uova.

Gli italiani ogni anno consumano circa 40 milioni di uova di cioccolato e 25 milioni di colombe. Se prendiamo questi numeri e li associamo a questi aumenti facile comprendere che le cifre in gioco non sono irrilevanti. Circa 27 milioni di euro per le uova e 9,3 milioni di euro per le colombe, per un totale di oltre 36 milioni di euro.

La Codacons ha la sua idea a riguardo di questi incrementi. Questi derivano da una speculazione in corso sul mercato delle materie prime, cacao e zucchero in primis, che, a cascata, arrotondamento dopo arrotondamento, finisce come sempre per gravare sul consumatore finale, che paga per tutti.

Naturalmente, bisogna poi considerare il fatto che con l’avvicinarsi della domenica di Pasqua, il prezzo di uova e colombe subiranno prima un calo e poi un drastico crollo a partire da martedì.

Ma a preoccupare sono soprattutto i prezzi delle uova, più che delle colombe. Per non cinfonderci, ci stiamo riferendo alle uova normali, no a quelle di cioccolata.
Consumate in ricette tradizionali o in prodotti artigianali e industriali: saranno circa 400 milioni le uova  consumate durante la settimana Santa, circa dieci volte quelle di cioccolata.

In totale gli italiani spenderanno quasi 100 milioni di euro nell’acquisto di uova di gallina da consumare direttamente o nella preparazione di primi piatti e dolci, con un risparmio notevole rispetto alla cifra spesa per quelle dolci di cioccolato.

Negli ultimi 30 anni, precisa la Coldiretti, i consumi nazionali di uova sono aumentati raggiungendo la cifra record di 13 miliardi di pezzi all’anno che significa una media di circa 218 uova a testa.  Numeri da capogiro.