Metatrading: uno strumento affidabile, il CFD

trading-online-bpm

Negli ultimi tempi si è assistito ad una corposa diffusione dei CFD come strumento per il trading online. Fra gli elementi di questo successo spicca la possibilità guadagnare sui mercati finanziari in ribasso.
Cosa significa questo? Ce fare trading con i CFD comporta il fatto di investire soldi sulla propria previsione relativamente all’andamento del valore di un certo strumento finanziario sottostante e ottenere un guadagno o una perdita.
Un elemento importante è che la varietà di sottostanti di un CFD è assai ampia, si può fare trading su indici azionari, azioni, opzioni e derivati, valute, materie prime…
A differenza del trading tradizionale i CFD sono un prodotto cosiddetto “a marginazione”, questo vuol dire che i volumi con cui l’investitore si trova a che fare sono di  molto maggiori rispetto all’investimento iniziale richiesto per poter aprire una posizione.
Facciamo un esempio: pensiamo che le azioni di Unicredit siano sul punto di perdere di valore: dovremo allora pagare un piccolo deposito iniziale per aprire una posizione short sulle azioni Unicredit, dopo essersi premuniti degli strumenti necessari per la gestione del rischio (ordini di stop loss o trailing stop).
L’effetto leva usato dai CFD può infatti portare sia a guadagni che a perdite maggiori dell’investimento iniziale e per questo è importante che ogni operatore utilizzi tutti gli strumenti offerti dalle principali piattaforme di trading online per controllare questo rischio.
Un altro elemento da considerare quando si fa trading con azioni è che ogni operazione viene gestita dal punto di vista monetario nella valuta della nazione di appartenenza dell’azione in questione. Nel caso quindi delle azioni , per esempio, di Unicredit tutti le operazioni verranno liquidate in euro mentre se si vuole investire in CFD di azioni, altro esempio, della Apple, allora questi saranno gestiti in dollari.