Milan – Barcellona 2-0, Berlusconi festeggia prima delle elezioni

Cattura

Doveva essere la partita della vita, è cosi è stata. Milan-Barcellona, valevole per i sedicesimi di finale della Champions League 2013, è terminata col risultato di 2-0 per i diavoli rossoneri che hanno praticamente annichilito i blaugrana sin dal primo minuto.
Il Barcellona di Lionel Messi, si proprio quello invincibile che ha incantato il mondo intero con il suo calcio, ha ricevuto una bella lezione dai ragazzi di Mister Allegri che hanno improntato la cosidetta partita perfetta.

 
E’ andata come nessuno si sarebbe forse aspettato, il Milan era infatti destinato a fare la cosidetta vittima sacrificale, ma a volte ciò che sembra probabile si scontra con l’imponderabile e cosi è stato. Due gol di cui uno viziato forse da un fallo di mano, stendono il Barcellona che dovrà cosi fare tre gol per passare il turno, al Camp Nou.
Vanno a segno prima Boateng e poi Muntari, quest’ultimo al culmine di una bellissima azione, per l’esplosione di San Siro che mai cosi pieno si era visto negli ultimi anni.

 
Ottima la prestazione di Kevin Prince Boateng che sembra ormai definitivamente ritrovato, cosi come maiuscole sono state le prestazioni di Mexes e Ambrosini, di nuovo tornati a guidare difesa e centrocampo di questa squadra. Forse, se proprio dobbiamo trovare il neo, un pò sottotono i soliti Zapata e Constant, mentre Abate si conferma in un ottimo momento di forma. Il Milan ha avuto occasione di segnare in molte occasioni, soprattutto con il faraone El Shaarawy, non ancora al top della forma e spesso impreciso. Ci ha provato anche Pazzini anche se la sua è stata più che altro una partita di sacrificio: è uscito dal campo malconcio, con una botta in testa e una al ginocchio.
Insomma, l’assenza di Balotelli, presente in tribuna, non sembra aver intimorito più di tanto il Milan che ora dovrà mantenere alta la guardia nella gara di ritorno.
E a pochi giorni dalle elezioni per Silvio Berlusconi si può parlare almeno di una vittoria importante, anche se in ambito calcistico. Bisserà l’impresa dei suoi anche in campo politico?

Cattura