Misure manovra economica Monti, Ici sulle case e non solo

800px-PalazzoChigi

Continuano a modificare la manovra economica che il prossimo 5 dicembre approderà in Consiglio dei ministri.

Forse perchè il nuovo presidente del Consiglio, Mario Monti, vorrebbe riuscire a mettere daccordo tutte le parti sociali. Ma questo è un obiettivo a dir poco impossibile. Da giorni il nostro premier passa la maggior parte del suo tempo a discutere con il viceministro dell’Economia, Vittorio Grilli e con i ministri Moavero, Passera, Fornero e Giarda. Tantissime le modifiche, gli aggiustamenti, le limature messe in atto nella nuova manovra ma ancora nessuna certezza su come sarà quella definitiva. Ogni dicastero però sta preparando un dossier da portare, lunedì 5 dicembre, sul tavolo del Consiglio dei Ministri. Dopo domani, domenica 4 dicembre, invece il governo si incontrerà con le parti sociali. Tante le ipotesi fin qui proposte, adesso dobbiamo solo aspettare quelle che realmente verranno prese in esame. Qui di seguito una sintesi delle principali manovre fiscali: il blocco degli aumenti delle pensioni, ma non per le fascie più deboli (e io aggiungerei menomale visto che parliamo di pensioni minime), il prolungamento dell’età lavorativa per le donne, la revisione delle aliquote Irpef e una super Ici da applicare sulle seconde e terze abitazioni. Prevista anche una rivalutazione delle rendite catastali. Sino ad oggi i valori dei beni immobiliari vengono rivalutati ai fini del prelievo del 5 per cento. La nuova proposta invece consisterebbe nell’aumentare questo moltiplicatore al 15 per cento o, a seconda delle esigenze di casa, al 20 per cento. Tra le manovre sicure invece ci sarà quella che riguarda il sostegno alle piccole e medie imprese attraverso il potenziamento del Fondo di garanzia. Si cercheranno risorse di rifinanziamento o in alternativa si valuteranno meccanismi che consentano un miglior funzionamento del Fondo, indispensabile per l’accesso al credito.

Lunedì la manovra approderà al Cdm. Noi, nel mentre, restiamo in attesa di sapere cosa ci toccherà subire.